In consegna la produzione di 100 kit di valvole “Charlotte” e “Dave” per Isinnova per far fronte all’emergenza del COVID-19

L’emergenza sanitaria che si sta verificando in alcuni ospedali del Nord Italia a seguito del diffondersi del COVID-19, ha portato ad avviare, in meno di 24 ore dalla richiesta, la produzione di un primo lotto di 100 kit di valvole Charlotte e Dave ideate da Isinnova e prodotte da Protolabs.

Il numero enorme di ricoverati in terapia intensiva di molti ospedali ha creato una carenza di maschere per respiratori, diventata in alcuni casi vera e propria emergenza sanitaria. Isinnova ha così riadattato la maschera da snorkeling Easybreath prodotta da Decathlon, andando a disegnare un raccordo che permettesse il corretto funzionamento della maschera come respiratore d’emergenza.

E 100 di questi kit, contenenti ognuno una valvola “Charlotte” e una valvola “Dave”, sono in produzione nello stabilimento tedesco di Protolabs così da poter essere consegnati nelle prossime ore.

Sara Rinoldi, Application Engineer di Protolabs, coinvolta fin da subito nel progetto, spiega: “Subito dopo aver ricevuto la richiesta da un ospedale italiano, abbiamo contattato Isinnova che ci ha confermato la possibilità di poter avviare la produzione di queste valvole. Il nostro compito di “fabbricatori” è stato di scegliere, tra le decine di materiali disponibili a magazzino, un materiale in possesso del certificato di biocompatibilità secondo la norma ISO 10993, così da ridurre eventuali criticità. Si è scelto il PA 12, PA 12 Nero, un nylon a elevata resistenza alla trazione per la realizzazione di prototipi e pezzi di serie destinati all’uso finale. Certo servirebbe il tempo per testare la maschera e “certificarla”, ma i tempi non lo permettono: è chiaro che questa maschera è uno strumento provvisorio ma molto utile per far fronte all’emergenza”.

Nelle prossime ore le valvole saranno consegnate a Isinnova per poi passare alla Protezione Civile che le destinerà agli ospedali in base all’urgenza. Protolabs si rende disponibile per ulteriori progetti che possano aiutare a limitare il diffondersi dell’epidemia e affrontare l’attuale emergenza sanitaria particolarmente grave nel nord Italia.

FONTE STAMPA: SENDPRESS

scroll to top